Razionalismo e luce nella Bassa veronese

In una tradizionale cittadina della bassa pianura veronese sorge una nuova costruzione che, di tradizionale, non ha davvero nulla. Villa Verona, con il suo aspetto fortemente moderno e minimal, si distingue da qualsiasi altro edificio dell’intorno, costituendo una singolarità architettonica inaspettata e sorprendente.

Villa Verona, vista del complesso e della piscina

I candidi volumi, puri nella loro essenzialità di linee ed angoli retti, suggeriscono il rigore compositivo tipico dell’architettura razionalista. L’estetica della struttura è data dalle forme pulite, dalle vetrate a nastro, che bucano le facciate permettendo il massimo soleggiamento possibile, e dai materiali di finitura utilizzati, ridotti al minimo e tutti della stessa tonalità, un bianco caldo ed elegante. I colori e il trattamento delle superfici donano l’illusione di uno spazio continuo, sia all’interno che all’esterno; le porte a raso muro e il telo oscurante a scomparsa, invece, concorrono a creare un ambiente libero da qualsiasi elemento o decorazione non necessaria.

Il progetto è stato creato su misura e gusto dei proprietari: ogni particolare, dall’illuminazione agli spazi dedicati alle varie funzioni, è stato pensato e voluto in questo modo in un’ottica di omogeneità e coerenza esemplari.

Villa Verona, vista al tramonto del prospetto sud con piscina

Skyline Minimal Frames e Villa Verona

I progettisti dello Studio Tecnico Bomer hanno tradotto in un’architettura concreta e funzionale l’ideale estetico-spaziale dei proprietari, ottenendo un’abitazione semplice e al contempo personalizzata fin nei minimi dettagli.

Gli ambienti sono pieni di luce: le numerose finestre giocano con le geometrie dei prospetti creando dei tagli di vuoto e pieno alternati, sobrio motivo ritmico che spezza la continuità delle murature. La linea di serramenti Skyline Minimal Frames si fa portatrice dei concept guida dell’intero progetto: modernità, minimalismo, purezza, eleganza e customizzazione. Il sottilissimo profilo in legno, laccato a campione per fondersi ulteriormente con il contesto, crea l’illusione di un disegno bidimensionale tracciato sulla parete trasparente, una raffinata presenza dal carattere grafico.

Villa Verona, vista serale

Gli alzanti scorrevoli Skyline Sliding, dotati di triplo vetro e binario basso in alluminio, appaiono incredibilmente leggeri malgrado le dimensioni importanti come, per esempio, quelle previste nell’area wellness, dove le ante raggiungono i 3 metri sia in altezza che in lunghezza.

Villa Verona, area wellness con tende oscuranti alzate

 

Anno di realizzazione

2019


Località

Verona (VR)


Architetto

Studio Tecnico Bomer - Arch. Luigi Merlin e Filippo Zago


Fotografo

Maurizio Grisa


Committente

Residenza privata


Prodotti utilizzati
Contattaci e richiedi il tuo catalogo gratuito